La raccolta delle Olive

raccolta-delle-olive

La raccolta delle Olive inizia solitamente nei mesi tra Ottobre e Novembre e termina in Gennaio, a seconda della tipologia di cultivar di olive e delle tradizioni dell’area di raccolta. E’ un momento importante, richiede impegno di manodopera e determina la qualità del prodotto. Il rispetto di alcune regole basilari è essenziale per la produzione di Olio Extra vergine di Oliva di qualità:

Coltivare le piante e olive in modo che crescano sane evitando infestazioni.
Valutare il periodo migliore per la raccolta, tenendo conto dello stadio di maturazione, della varietà delle olive e della stagione.
Utilizzare recipienti adatti (contenitori forati) per il trasporto delle olive quindi lavorarle entro 48h massimo dalla raccolta.

I metodi migliori per la raccolta delle olive sono: la brucatura, la scuotitura e la bacchiatura.
A seconda del frutto o della tipologia di pianta o anche della tipologia del terreno, si utilizza l’uno o l’altro metodo.

La Brucatura
Consiste nel raccogliere a mano le olive direttamente dalle piante. Rappresenta un metodo che preserva al meglio l’integrità del frutto e ne permette una conservazione più lunga. Da tempo, al posto delle mani, si è diffuso l’utilizzo di piccoli agevolatori manuali, quali pettini o piccoli rastrelli, che aumentano sensibilmente la produttività e rendono più agevole la raccolta. Le olive raccolte con la brucatura si presentano con una bassissima quantità di foglie pertanto gli oli prodotti con tale sistema sono generalmente di ottima qualità. E’ un metodo lento ma di sicuro molto efficace.

Scuotitura
Per diminuire la manodopera necessaria e per aumentare la velocità di raccolta si è avviato un processo di meccanizzazione della raccolta delle olive mediante scuotitori del tronco o dei rami, che provocano il distacco delle olive e la caduta su teli stesi a terra o in cestoni. Il prodotto che se ne ricava è simile a quello ottenuto mediante brucatura. Le olive raccolte con la scuotitura si presentano con un alta presenza di foglie e piccoli rametti. Gli oli prodotti con questo sistema sono generalmente di ottima qualità.

Bacchiatura
Questa è una pratica assai diffusa negli oliveti che hanno degli alberi con rami alti tanto da rendere impossibile la raccolta a mano. Le olive vengono fatte cadere mediante l’utilizzo di mazze che provocano la caduta delle olive su teli stesi a terra o in cestoni. Le olive così raccolte si presentano con una quantità di foglie intermedia tra il metodo per brucatura e quello per scuotitura. Gli oli prodotti da olive raccolte con la bacchiatura sono generalmente di ottima qualità.

Cascola naturale
Questo sistema di raccolta viene praticato nelle zone dove gli alberi di ulivo sono troppo alti (circa 5 metri). Consiste nella caduta naturale delle olive con un elevato grado di maturazione, le olive vengono raccolte su teli o da terra. Gli oli prodotti da olive raccolte con la cascola naturale sono generalmente di scarsa qualità, non adatti al consumo alimentare.

Curiosità: L’ulivo è la pianta soggetta a fluttuazioni di produzione per eccellenza; si caratterizza per annate di resa scarsa (dette di carica) seguite da annate di produzione vegetativa e fruttifera elevate (dette di scarica).